youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer

Edison Efficienza Energetica

Greensburg, città sostenibile

Distrutta da un tornado nel 2007, la cittadina statunitense è stata ricostruita secondo regole e criteri di efficienza energetica. E oggi è autosufficiente dal punto di vista della produzione dell’energia

Molti centri urbani italiani sono localizzati in aree geografiche soggette a particolari rischi naturali. Due su tutti: l’idrogeologico e il sismico. La ricostruzione degli insediamenti urbani in territori che hanno subito calamità naturali deve seguire rigorosi criteri di prevenzione rispetto a nuovi rischi, ma è anche l’occasione per adeguarsi a nuovi parametri di efficienza energetica e di sostenibilità ambientale. Nel mondo esistono diverse best practice che raccontano esperienze interessanti come quella della cittadina di Greensburg, negli Stati Uniti.

Fonti rinnovabili e tecnologie sostenibili

Greensburg-città sostenibile

Il 4 maggio 2007 questo piccolo centro del Kansas di poco più di 1.200 abitanti è stato colpito da un tornado di classe EF-5, il livello massimo della Scala Fujita che misura l’intensità di questi fenomeni. Le conseguenze? Alcune vittime tra la popolazione e oltre il 95% del tessuto urbano con danni irreparabili.
Fin da subito gli amministratori locali hanno espresso la volontà di ricostruire la cittadina proponendo un modello di comunità sostenibile: come prima cosa, hanno avviato una collaborazione con il National Renewable Energy Laboratory, il laboratorio nazionale per le energie rinnovabili del Dipartimento Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti d’America, coinvolgendo tutti gli stakeholder territoriali in un approccio sistemico e innovativo alla ricostruzione, con un focus sulle tecnologie dell’efficienza energetica e delle fonti di rinnovabili.

Protocollo LEED per la certificazione degli edifici

Da questo primo passo è stato elaborato un piano a lungo termine coinvolgendo la cittadinanza nella costituzione di un’organizzazione no-profit per la ricostruzione, la Greensburg GreenTown. L’inserimento di obiettivi di efficienza nel processo di pianificazione è stato il primo e fondamentale passo verso la rigenerazione sostenibile. L’amministrazione cittadina si è posta come obbligo l’applicazione del protocollo LEED – Platinum del U.S. Green Building Council per la progettazione degli edifici di sua proprietà, prevedendo un risparmio energetico minimo pari al 42% rispetto ai consumi di un edificio standard.

Autosufficienza energetica

Greensburg-città sostenibile

Questo requisito ha rappresentato un esempio anche per i progetti di edifici commerciali e pubblici. A oggi sono stati costruiti 28 edifici con criteri di sostenibilità ambientale, sia pubblici che privati, di cui otto certificati LEED (5 Platinum, 2 Gold e uno base). Greensburg, inoltre, si è dotata di una wind farm, un parco eolico costituito da 10 pale con potenza di 1,25 MW, che forniscono 12,5 MWh di energia elettrica rinnovabile all’anno; una quantità sufficiente a soddisfare il fabbisogno elettrico di tutti gli edifici e le attività economiche della cittadina, che utilizza al massimo un terzo dell’energia prodotta. La restante parte viene messa in rete. La sostenibilità, spesso, conviene. Anche economicamente.



Hai bisogno di aiuto?

Lasciaci il tuo riferimento: un nostro consulente ti contatterà al più presto e ti aiuterà a trovare quello che stai cercando.


ImpresaPubblica Amministrazione



Ai sensi del D.Lgs del 30/06/2003 n. 196 sulla privacy autorizzo Edison a contattarmi per ricevere informazioni sui propri servizi.