youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer

Edison Efficienza Energetica

Rigenerazione urbana ed efficienza energetica

Le città del futuro? Sempre più smart e connesse, costruite su fondamenta – rigorosamente digitali – che poggiano su speciali modelli di progettazione e monitoraggio basati su software in grado di rendere efficiente ogni singolo edificio, dalla costruzione alla manutenzione

Si fa presto a dire Internet of Things e a parlare di rivoluzione tecnologica. Ma non è sufficiente essere “digitali” per essere “smart”; è invece fondamentale saper gestire le risorse in modo integrato e ragionare su larga scala. Le “unità di misura” delle smart city non sono infatti rappresentate dal numero di hotspot o dalle prese elettriche per ricaricare i propri smartphone, ma dal grado di interconnessione e condivisione dati tra singoli edifici e interi quartieri.
Cambiano dunque l’approccio e i principali parametri di riferimento, e per garantire “intelligenza” alle abitazioni delle città di domani le parole d’ordine sono tecnologie d’avanguardia come BIM e BEMS. Il futuro delle nostre metropoli passa attraverso metodi di progettazione che permettono di integrare in un unico modello le informazioni utili per l’intero ciclo vita dell’edificio (dalla progettazione alla demolizione) e in ogni fase del progetto (architettonica, strutturale, impiantistica, energetica, gestionale e così via), ma anche tramite sistemi di controllo che, mediante apparati elettronici e di automazione, si propongono di ridurre il consumo di energia, di assicurare efficienza e di massimizzare il comfort.

Smart building per città intelligenti

Efficienza energetica: agevolazioni in vista per imprese, ESCo e Pubblica Amministrazione

Il primo passo verso questa direzione si chiama BIM ed è l’acronimo di “Building Information Modeling”. Si tratta di un modello digitale che simula la costruzione reale di un cantiere, attraverso cui si possono raccogliere, gestire e condividere tutte le informazioni relative a un edificio per il suo intero ciclo vita, dalla progettazione alla demolizione, passando per la manutenzione. «È un metodo di progettazione mutuato dalle industrie automobilistica e aeronautica», ha dichiarato Gian Carlo Magnoli, fondatore dello studio di architettura Magnoli & Partners – recentemente divenuto parte del gruppo Edison – che si occupa della progettazione di edifici intelligenti. «Lo scopo finale è appunto quello di trasformare la casa in un prodotto industriale simile a un’automobile: dotato di costi fissi e di prestazioni controllabili in qualunque momento, capace di avvertirci quando è ora di fare il “tagliando”».
Uno strumento prezioso che può essere condiviso da tutti gli operatori coinvolti e che rappresenta una piccola miniera di dati estremamente utili, sempre a disposizione senza bisogno di disperate ricerche negli archivi. «Prima ancora che il fabbricato sia costruito – afferma Magnoli – è possibile visualizzare l’intero edificio: si può “visitare”, aggirarsi nei suoi locali e camminare al suo interno, interrogarlo su ogni suo singolo componente, pavimenti, muri, soffitti, finestre e così via».

Controllo totale step by step

Impossibile non partire da qui per concepire edifici “smart”, attraverso un approccio tecnologico che permette di integrare le caratteristiche fisiche e funzionali degli interventi con le informazioni relative alle loro performance durante l’intero ciclo di vita. «Dobbiamo pensare al BIM come a un modello 3D – afferma Magnoli – che alla tre dimensioni spaziali ne unisce altre tre, altrettanto fondamentali. Innanzitutto quella relativa alle prestazioni del fabbricato: come si comporta un edificio dal punto di vista energetico, la sua classe di sicurezza (anche a livello sismico), le sue prestazioni acustiche… La dimensione economica garantisce invece la certezza dei costi e dei tempi di costruzione, con un’approssimazione molto vicina al 99%. Infine quella che riguarda le manutenzioni, che è poco esplorata e ancora lontana dalla nostra cultura: la necessità di un piano di programmazione, con alert per tipologia di intervento, durata, scadenze e relativi costi, da pianificare nel tempo, proprio come si fa appunto con il tagliando delle automobili».

Efficienza energetica: agevolazioni in vista per imprese, ESCo e Pubblica Amministrazione

Un “videogame” ad alta efficienza

«Grazie al BIM è possibile acquisire diverse informazioni utili su un edificio», ribadisce Paolo Quaini, responsabile della Divisione Servizi Energetici e Ambientali di Edison: «sapere quanto e come consumerà, quali saranno le sue prestazioni, come distribuire gli spazi in funzione di chi li vive, come realizzare al meglio il cantiere. Questi elementi consentono di modellare l’edificio come se fosse un videogioco; è infatti possibile progettare con un software un fabbricato e conoscere in anticipo una serie di dati, come potrà integrarsi al meglio nel paesaggio urbano e perfino a quali cicli di manutenzione dovrà essere sottoposto. Poi, con le informazioni raccolte si potrà correggere e modellare la costruzione rendendo possibile un risparmio dei consumi di oltre il 30 per cento».

Modelli virtuali, sostenibilità reale

Entra in campo a questo punto un ulteriore modello avanzato ed estremamente sofisticato, il BEMS (Building Energy Management System): un sistema informatizzato per la gestione e il monitoraggio delle prestazioni degli impianti (idrici, termici, di climatizzazione, illuminazione ecc.) in grado di segnalare anche eventuali guasti, disservizi o necessità.
Grazie a questa innovativa piattaforma, gli edifici vengono dotati di una serie di sensori intelligenti che dialogano con modelli virtuali, sistemi di monitoraggio e controllo in tempo reale dei principali parametri ambientali (relativi a temperatura, umidità, pressione, CO2 ecc.) per assicurare una corretta gestione dei fabbricati, promuovendo comportamenti virtuosi sul fronte del risparmio e della riduzione dei consumi, ma soprattutto garantendo nel corso del tempo performance sempre più efficienti a livello energetico.



Hai bisogno di aiuto?

Lasciaci il tuo riferimento: un nostro consulente ti contatterà al più presto e ti aiuterà a trovare quello che stai cercando.


ImpresaPubblica Amministrazione



Ai sensi del D.Lgs del 30/06/2003 n. 196 sulla privacy autorizzo Edison a contattarmi per ricevere informazioni sui propri servizi.