youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer
Edison Efficienza Energetica

Ecohotel: la giungla delle definizioni e i vantaggi competitivi dell’esserlo davvero

20 Gennaio 2021

 

Da qualche anno – e con una certa insistenza nell’ultimo periodo – nel mondo dell’ospitalità non si parla che di ecohotel, green hotel, hotel e destinazioni sostenibili.

Se da una parte siamo portati a pensare che tutto questo implichi la nascita di nuove sensibilità rivolte al rispetto per l’ambiente, dall’altra non si può negare che queste definizioni vengano troppo spesso utilizzate in maniera non adeguata e sfruttate soltanto ai fini del marketing e del raggiungimento di potenziali target.

Come è avvenuto in passato con altre definizioni – per esempio family, bike, pet hotel – molte strutture se ne sono appropriate senza averne le caratteristiche né rispettarne i parametri. Ma green, eco e sostenibile non sono definizioni qualunque e racchiudono in sé peculiarità dalle quali non si può prescindere.

E, per loro stessa vocazione, non possono essere messe al servizio della mera promozione o del brand. O meglio, questo non può accadere nel caso in cui le attività intraprese ai fini della salvaguardia ambientale e del risparmio energetico non siano reali e ben definite.

Abbiamo visto quanto stiano cambiando le abitudini di viaggio e quanto tutti questi aspetti impattino nella scelta dell’hotel. E quanto possano pesare sulla brand reputation della struttura. Ecco, tutto questo può valere anche al contrario se l’hotel non rispecchia una reale e sincera sensibilità verso l’ambiente.

I turisti se ne stanno accorgendo e stanno imparando a districarsi tra le varie definizioni e a essere sempre più competenti ed esigenti nella ricerca e nella richiesta di specifiche certificazioni. In buona sostanza, il mercato finirà per penalizzare tutte quelle strutture che cercheranno di posizionarsi come eco pur non essendolo davvero. E premierà tutte le altre.

 

Struttura ricettiva sostenibile

 

Cosa significa questo?

Che se ogni hotel comincerà a lavorare sul risparmio energetico e a comunicarlo adeguatamente sin da ora, nell’immediato futuro potrà godere di vantaggi competitivi in termini di:

  • Affidabilità
  • Reputazione
  • Fidelizzazione
  • Branding
  • Riconoscibilità
  • Risparmio

In mezzo a un proliferare di certificazioni e marchi dietro ai quali spesso sono assenti trasparenza e garanzie di qualità, un hotel veramente eco verrà premiato dai clienti.

Ma cosa cercano i clienti degli ecohotel?

Anche i turisti più informati e attenti cominciano a fare fatica nel districarsi tra le definizioni e puntano perciò sulle certificazioni più attendibili e note. Per esempio Ecolabel, marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea che opera anche nel settore alberghiero, considerato una vera garanzia. Altre certificazioni di riferimento sono Green Key e Travelife, che utilizza 163 criteri e sottopone gli hotel ad audit di controllo ogni 2 anni.

Come ottimizzare i consumi e orientare l’hotel al risparmio energetico

Lo sviluppo delle attività di ottimizzazione delle risorse energetiche inizia dalla raccolta, lettura attenta e comprensione dei consumi dell’azienda, elettrici e termici. È dalla loro analisi che si giunge a una concreta individuazione e prioritizzazione delle attività da intraprendere, a livello comportamentale e impiantistico.

Infatti, a seconda della tipologia della struttura e delle condizioni di involucro e impianti, le attività da implementare possono essere molto diverse con investimenti anche importanti. È dunque consigliabile rivolgersi a consulenti specializzati che sappiano guidare l’imprenditore – passo dopo passo – sulla strada della sostenibilità e che conoscano i modelli di business e la formule tipo Esco per valutare a 360° le opportunità insite nel percorso e garantiscano sui risultati.

 

Articolo a cura di Team Work Hospitality per Edison Servizi Energetici e Ambientali.