youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer

Edison Efficienza Energetica

Efficienza Energetica nella Pubblica Amministrazione: il webinar

23 Ottobre 2020

 

Incentivi, Soluzioni e Best practice nel webinar che precede il premio Ecohitech 2020

La digitalizzazione e la sostenibilità energetica sono temi strettamente correlati nella sfida per rendere le città sempre più efficienti, sicure e resilienti. Questi due macro-cambiamenti sono qualcosa di inevitabile, in un processo che si è accelerato negli ultimi mesi a causa dell’emergenza sanitaria, e vanno affrontati con obiettivi chiari e con strumenti adeguati.

Nel webinar sull’Efficienza energetica nella PA, che è stato organizzato l’8 ottobre dal Consorzio Tecno [e LUMI4innovation], nel percorso verso la XXI edizione dell’Ecohitech Award 2020, ci siamo confrontati con esperti del settore e rappresentanti degli Enti Pubblici per raccontare cosa dovrebbero o potrebbero fare le Pubbliche Amministrazioni per raggiungere determinati standard e obiettivi di efficienza energetica.

Come fotografia di partenza dello scenario italiano, Cristian Pulitano, Direttore dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano, ha ripercorso il quadro degli investimenti in efficienza energetica sugli edifici e analizzato gli ambiti con le previsioni di crescita più interessanti.

Nel 2018, il totale complessivo degli investimenti in efficienza energetica realizzati in Italia è stato pari circa a 7,1 miliardi di euro. La ripartizione è però disomogenea tra i vari settori. Il residenziale insieme al terziario guidano la classifica rappresentando il 65% del totale, seguito dal comparto industriale con un 33%.

Mentre le Pubbliche Amministrazioni restano il fanalino di coda, rappresentando soltanto il2% degli investimenti totali, per un valore di circa 149 milioni di euro. Ciò che è significativo però è che le Pubbliche Amministrazioni registrano l’incremento maggiore rispetto al 2017 (+12%), seguite da residenziale e terziario (+7,6%), mentre il segmento industriale con un incremento di solo il 4% accentua l’effetto di “decelerazione” dell’intero mercato

 

Investimenti Efficienza Energetica Italia

Fig. 1 – Investimenti in efficienza energetica in Italia, fonte: Energy&Strategy Group, Politecnico di Milano

 

Nel dettaglio, entrando nel tipo di investimento realizzato e nelle tecnologie utilizzate, la PA privilegia interventi su superfici opache, caldaie a condensazione, chiusure vetrate. Crescono inoltre di importanza, in generale, i sistemi di building automation per il controllo e il monitoraggio degli ambienti. Pur avendo ancora valori assoluti contenuti, si registra un tasso di crescita (2018 vs 2017) addirittura a tre cifre per la PA.

In questo ambito, stando agli obiettivi di efficientamento energetico fissati dal PNIEC al 2030 e divenuti vincolanti, l’obiettivo dei 51 Mtep di energia da risparmiare, a cui il terziario (e la PA) dovrebbero contribuire per un quarto, è comunque ancora raggiungibile.

 

Come farlo?

Cristian Pulitano – Direttore dell’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano ritiene che sia importante acquisire consapevolezza di tutti gli strumenti regolatori e i meccanismi di incentivazione (in parte ancor oggi sottoutilizzati): il Conto Termico, Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica e il Prepac per la PA centrale.

Giacomo Fioroni, Capo progetto “Smart City”, Servizio innovazione e servizi digitali del Comune di Trento suggerisce di ampliare il raggio degli interventi e investire in progetti e iniziative di smart mobility e di “sensorizzazione” delle infrastrutture. È questo l’obiettivo prioritario di Trento Smart City che quest’anno si è aggiudicata il primo posto nella classifica Smart City Index 2020 come città più sostenibile d’Italia, e che Fioroni ha raccontato nel webinar.

Maurizio Musio, Ufficio Tecnico del Comune di Serrenti propone di realizzare smartgrid e microgrid per l’autoproduzione di energia pulita da fondi rinnovabili. Musio ha descritto il progetto del comune sardo, che con poco più di 5.000 abitanti è stato un pioniere in questo ambito, creando una micro-rete intelligente che collega gli edifici pubblici della città distribuendo energia prodotta da un impianto fotovoltaico.

Alberto Pasanisi, Direttore Ricerca, Sviluppo e Innovazione Tecnologica di Edison definisce strategica una corretta pianificazione territoriale e una visione di insieme di tutti gli aspetti energetici, architettonici, ambientali, produttivi, umani di una certa area. L’IoT e i tool digitali di pianificazione territoriale possono essere uno strumento strategico in qualsiasi progetto di smart city, facendo una fotografia sistemica del territorio, introducendo dei parametri e degli indicatori che siano rilevabili e misurabili nel tempo ed elaborando dei possibili scenari di sviluppo. Sia che si tratti di progetti di mobilità, di efficientamento energetico o di comunità energetiche su smart grid, è sempre fondamentale effettuare scelte data driven, per prendere decisioni sulla base delle risorse del Territorio e delle esigenze dei cittadini.

 

Efficienza Energetica nella PA