youtube instagram envelop mail4 google-plus google facebook twitter linkedin printer

Edison Efficienza Energetica

Guida energetica ai ristoranti italiani

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) ha diffuso a gennaio il rapporto annuale riguardante il settore della ristorazione in Italia. Nel report possiamo trovare i dati relativi al 2017 sul settore nel suo complesso, la consistenza delle imprese, l’occupazione e le dinamiche di prezzo.

Analizzando i dati regionali possiamo scoprire delle particolarità riguardo la distribuzione geografica di bar e ristoranti. Un’alta densità di attività di ristorazione ha una peculiarità particolare per quanto riguarda il consumo energetico di un territorio: bar e ristoranti necessitano non solo di maggiore energia (per via della loro attività produttiva) ma anche di un mercato per l’efficientamento energetico che segua le logiche proprie degli edifici ad uso commerciale (in questo caso della ristorazione).

Uno studio della stessa FIPE presentato alla Fiera Sigep di Rimini ha infatti evidenziato come la ristorazione sia particolarmente esigente in termini di energia: ristoranti e bar consumano mediamente 26.000 kWh di energia elettrica all’anno, per un consumo complessivo stimato in 8,6 miliardi di kWh. Questo carico è quasi dieci volte il valore del consumo medio di una famiglia italiana.

Sono tanti i fattori che entrano in gioco in questi numeri: forni e fornelli per la cottura del cibo, lavastoviglie, frigoriferi e macchine dell’espresso con alto regime di utilizzo durante tutto il corso della giornata, per non parlare del riscaldamento e dell’illuminazione necessarie per garantire un servizio confortevole ai clienti.

 

Illuminazione e consumo energetico dei ristoranti

 

Non a caso, guardando allo specifico la classifica assoluta per quantità di ristoranti, primeggiano Lombardia, Lazio e Campania, essendo le regioni più popolose e con il maggior consumo di energia. il dato non è però molto significativo, in quanto è lecito aspettarsi che le regioni più popolose abbiano un maggior numero di servizi.

Se rapportiamo quegli stessi dati alla popolazione invece (e tenendo conto del prodotto interno lordo regionale), la panoramica che otteniamo è ben diversa:

 

Prodotto Interno Lordo pro capite nelle regioni Italiane

Prodotto Interno Lordo pro capite nelle regioni Italiane


Classifica regionale Ristoranti per 1000 abitanti

Classifica regionale Ristoranti per 1000 abitanti

Classificando i dati in questo modo il podio è infatti composto dalla Valle d’Aosta (con 8,8 ristoranti per mille abitanti), dalla Liguria (con 8,1 ristoranti per mille abitanti) e dalla Sardegna, più staccata con 6,7 ristoranti ogni mille abitanti.

Osservando il grafico, notiamo meglio lo scarto che c’è tra i primi e gli ultimi della classifica: La Valle D’Aosta ha infatti esattamente il doppio dei ristoranti per mille abitanti del fanalino di coda, rappresentanto dalla Sicilia (8,8 vs 4,4). Le altre regioni in coda alla classifica sono la Puglia e la Basilicata (entrambe con 4,8 ristoranti ogni mille abitanti). La Lombardia, pur avendo il numero assoluto più alto, risulta solamente quart’ultima.

È interessante notare come l’estensione della regione o la densità della popolazione non siano correlate assolutamente con il numero dei ristoranti per abitante. La maggiore presenza di attività riguardanti la ristorazione va quindi ricercata in fattori esterni, ed è probabilmente molto più complessa nascosta nel tessuto sociale e produttivo di ogni regione, all’intraprendenza e alla voglia di rischiare dei suoi abitanti.

 

Ristoranti in rapporto alla superficie della regione

Ristoranti in rapporto alla superficie della regione

 

Ristoranti in rapporto alla densità abitativa

Ristoranti in rapporto alla densità abitativa

Un discorso simile è applicabile ai bar, pur essendo sensibilmente meno presenti rispetto ai ristoranti sul territorio della penisola: il podio dei bar ogni mille abitanti è lo stesso dei ristoranti, Valle d’Aosta, Liguria e Sardegna, tuttavia la Lombardia guadagna ben nove posizioni, mentre le Marche ne perdono otto.

 

Classifica regionale Bar per 1000 abitanti

Classifica regionale Bar per 1000 abitanti

 

Anche qui manca totalmente la correlazione con superficie o densità della popolazione:

Bar in rapporto alla superficie della regione

Bar in rapporto alla superficie della regione

 

Bar in rapporto alla densità abitativa

Bar in rapporto alla densità abitativa

 

Articolo a cura di DataTalk.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Hai bisogno di aiuto?

Lasciaci il tuo riferimento: un nostro consulente ti contatterà al più presto e ti aiuterà a trovare quello che stai cercando.